Finalmente il primo week end

Siamo riusciti ad uscire col camper sabato e domenica appena trascorsi. Abbiamo provato tutto dal frigo al boiler, le luci…insomma, tutto OK come doveva essere. Ma siamo stati anche molto bene. Due gironi bellissimi davvero e molto comodi cl nostro camper

E via anche col filtro!

Ieri ho cambiato anche il filtro della aria condizionata E’ estremamente importate farlo quando non sappiamo chi e come ha usato il mezzo prima di noi. Il filtro del clima può essere ricettacolo di batteri che andremo gioco forza a respirare. Paliamo del Ducato X250, prodotto dal 2006 al 2014. Il filtro si trova dietro al cassettone portaoggetti centrale, non quello laterale. Non dobbiamo smontare tutto, e per fare questa operazione abbiamo bisogno di un giravite torx e di una chiave a tubo 6mm. Per prima cosa liberiamo il cassetto del contenuto. Guardandolo aperto ci si presentano in altro 3 viti. Dobbiamo svitarle e poi faremo con un po’ di forza, uscire la barra di plastica dove son avvitate le viti e che sostiene un pezzo di plastica morbida che fa da coperchio a quanto c’è dietro. Spostiamolo in alto e libereremo alla vista una paretina in plastica nera che è fissata con due viti a bullone da 6mm un in alto a sinistra e l’altro in baso a destra. svitiamo i due bulloncini e poi tiriamo a noi, leggermente verso l’alto e leveremo al parete di plastica nera. Ora se ci abbassiamo un poco vedremo il filtro in oggetto. Tiriamolo verso il basso fino a farlo uscire tutto. Diamo una pulita a tutto e procediamo ad inserire il filtro nuovo, facendo le operazioni al contrario.

Il giorno della cera e del tappeto

Oggi è stato il giorno del polish e della cera alla cabina di guida. Per fare un buon lavoro bisogna prima passare del polish per auto, un prodotto che appare cremoso  e che si da con un panno sulla carrozzeria. Poi, prima he asciughi si passa con un altro panno strofinando energicamente. A parte che è un ottimo esercizio fisico, ma rende la carrozzeria lucida perché rimuove tutte quelle impurità che la rendono opaca. Dopo di questo si passa della cera lucidante con lo stesso sistema.  Le due operazioni da sole non consentono di ottenere un ottimo risultato come si ottiene se si fanno entrambe le azioni. Dopodichè ho steso all’interno un tappeto decorato in gomma che mi consente di salvaguardare il pavimento originale e in più da un tocco di freschezza e novità agli interni del camper

Il giorno degli pneumatici

Ieri, finalmente, è stato il giorno in cui ho cambiato gli pneumatici sul camper. Non valeva la pena farlo ad ottobre e lasciarlo un inverno su ruote che ora avrebbero 6 mesi ed invece sono nuove di zecca. Gli pneumatici sul camper non si consumeranno mai. Ma dopo 5 anni devono essere cambiate. Se non vi ricordate la data, basta leggere l’anno di produzione. Il vecchio proprietario mi aveva detto che erano stati messi nel 2018, e  quindi avrei potuto aspettare un anno, ma ho visto che sono marcati 2016.  Io non dico nulla, perchè uno in buona fede può averli messi usati poco nel 2018 e dire il vero, ma se leggete scoprite che dopo 5 anni lo pneumatico perde le caratteristiche di sicurezza che il costruttore garantisce. Pertanto circolerete a rischio vostro.

Completata la ri-siliconatura

Finalmente ho completato la ri-siliconatura, ovvero a dire ho tolto le siliconature ammalorate e le ho rifatte ex novo. Certo ci vuole un po’ di tempo a fare un buon lavoro. Occorre uno spray stacca silicone, un rotolo di nastro di carta e naturalmente una cartuccia di silicone bianco antimuffa e una pistola per applicarlo.  Ho prima staccato il silicone vecchio e poi ho ripulito bene togliendo lo stacca silicone che non farebbe aderire il nastro adesivo. Si pulisce con alcol. Poi si stende il nastro seguendo bene il percorso da fare in base al nostro camper e poi, lasciando un mezzo cm. di spazio si tende il nastro nuovamente in modo da formare una pista da mezzo cm.

Ora mettiamo il silicone lungo il percorso che abbiamo creato e poi o con una attrezzetto stendi silicone o se non vi crea problemi col dito passiamo lungo la stesa di silicone in modo da lisciarlo ben bene. Poi togliamo le due strisce di nastro e vedremo che la siliconatura sarà perfetta

E finalmente!

Stamattina ho finalmente avuto tempo e condizioni meteo per rimettere sdraie, il tavolo  le sedie, l’ombrellone e varie altre cose nel gavone. Avevo inconsciamente paura che non ci entrassero, ma questo gavone ha più spazio del precedente e mi è anche avanzato spazio libero!

Oscuranti – zanzariere

Prima che iniziamo la stagione prendiamoci cura del nostro camper che, verosimilmente, è stato fermo tutto il lungo inverno. Oggi spiego come prendersi cura degli oscuranti-zanzariere del nostro mezzo. Può darsi che scorrano male e si impuntino nello scorrere o che si sgancino a fatica l’una dall’altra. Armiamoci di straccio, spazzolino e alcol isopropilico. Cosa è? E’ l’alcol bianco che si trova in vendita nei centri brico. Non rovina gomma e plastica ed è un ottimo detergente. Per prima cosa puliamo con uno straccio bagnato di alcol le guida sul telaio della finestra dove scorrono gli oscuranti-zanzariere, su entrambi i lati. Una volta pulito bene dobbiamo spruzzarci dentro un po’ di WD40 . Una volta fatto questo. facciamo scorrere due o tre volte gli oscuranti su e giù. Vi accorgerete che ora scorrono via velocemente e non si impuntano più. Passiamo alla maniglia che comanda  l’aggancio-sgancio delle due parti.  Mettiamoci un poco di alcol e puliamo con lo spazzolino e quindi spruzziamo un po’ di WD40. Vedrete che ora si sbloccherà e funzionerà più prontamente

Mi sono portato avanti

In questi giorni ho portato avanti i lavori di sistemazione del camper. Ho acquistato un aggancio rapido per il gas. Ora abbiamo una presa esterna per il gas, che lo preleva direttamente dalle bombole e basta collegare la presa a baionetta del gas per avere il fornello esterno già pronto a cuocere. Prima dovevo prendere fuori una bombola, collegare il fornello tramite una valvola a taratura fissa e poi potevo iniziare a cucinare. In questo modo spesso mi cadevano le guarnizioni dei tubi e poi non era mai bene lasciare la bombola fuori dal camper, Da ora in poi mi basterà collegare il tubo del gas tramite la presa an aggancio rapido al camper ed è fatta! La presa ad aggancio rapido l’ho acquistata presso un negozio di ricambi per camper e costa la bellezza di 2,50€. Inoltre ho cambiato il tubo della doccia esterna che era rovinato. E’ bastato comprare un tubo flessibile per la doccia di casa e poi collegare la doccia nel modo classico, mentre per collegare l’aggancio rapido ho dovuto tagliare l’altra estremità del flessibile e quindi tramite una fascetta metallica ho stretto bene il tubo  sull’aggancio rapido. Tutto con 4,40€. Infine ho notato che lo stemma Fiat sul muso del Ducato era un poco lento, si stava per staccare. L’ho dunque tolto, l’ho pulito per bene e poi con del silicone l’ho riapplicato sulla mascherina ed ora è meglio di prima.

E finalmente!

E’ venuto il momento. La scorsa settimana ho portato il portabici per farci installare una quarta canalina. E’ un portabici da tre posti ma me ne occorreva un quarto. Così con una semplice modifica ora ha  tutti i posti che mi servono. Ieri poi finalmente ho potuto montare l’autoradio con sistema CarPlay per Android che mi permette di gestire chiamate un ingresso ed in uscita dallo smartphone connesso via bluetooth. Sempre via bluetooth posso gestire la musica nel telefono per ascoltarla in cabina mediane l’impianto di amplificazione. Ho anche collegato la telecamera posteriore wireless per mostrarmi il retro del camper quando faccio manovra. Nei prossimo giorni mi compro un cavetto USB nuovo (ho cambiato telefono) e provo il sistema Android Auto che non funziona via bluetooth. Stamattina presto sono riuscito, con l’aiuto di un amico, a sistemare la veranda che chiudeva male. Era stata evidentemente chiusa in malo modo, e il fatto si è evidenziato quando l’abbiamo aperta: era raggrinzita da una parte, quindi l’abbiamo aperta tutta e poi uno di noi chiudeva e l’altro tirava in modo da ridistenderla per bene. Ora va che è un piacere.

Grande lavata

Finalmente ho portato il camper al lavaggio per fargli dare una bella pulita. Particolarmente mi interessava far pulire il tetto, che era veramente sporco. Mi era capitato di vederlo da casa, abito al sesto piano e mi ero accorto che era veramente lercio, al punto che pure il pannello solare non sembrava di vetro! Ma la cosa che mi dava più fastidio era che non ho mai avuto un camper con l’oblò panoramico e finalmente questo ce l”ha ed era sporchissimo… Ma l’acqua nera che scendeva giù dal tetto! Mamma mia, pure sapendo che era sporco faticavo a crederci!