Tai Chi = Respiro, Muovo, Guardo

di Filippo Pavone

La pratica del Tai Chi utilizza tre semplici “strumenti”: Il Respiro, Il Movimento e lo Sguardo, agiti simultaneamente.

Coordinare Respiro e Movimento significa ricondurre il proprio sé ad unità, perché abbiamo un erronea percezione di mente e corpo come separati tra loro e quindi, viaggianti a diverse velocità; proprio il respiro è stato individuato dagli antichi Maestri come quel filo d’oro in grado di ricucire questo strappo.
Il respiro, tra l’altro, esprime i nostri stati d’animo: diventa clavicolare nella disperazione e nel pianto, scende a livello toracico nella costrizione e nella paura e diventa addominale nella risata e nella serenità (il neonato).

Dirigere lo sguardo significa imbrigliare il pensiero, esercitare l’attenzione. L’attenzione è quella funzione della mente che permette di riconoscere e portare alla coscienza quanti più elementi possibili che, a prescindere dalla nostra percezione sensoriale, coesistono e interagiscono dando forma all’attimo presente.

Respiro movimento e sguardo determinano il fluire di un movimento.  Infatti, ogni volta che un pensiero estraneo sta per insediarsi, l’immancabile stonatura nel gesto che segue riporterà il praticante al qui e ora. La pratica del Tai Chi non consente alla mente del praticante di essere altrove.

Tai Chi = Respiro, Muovo, Guardoultima modifica: 2018-11-29T12:03:46+01:00da nylus

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.