CAMBIARE L’ARIA QUANDO FUORI C’E’ LA NEBBIA RIDUCE DI MOLTO L’UMIDITA’ RELATIVA IN CASA

DI GIOVANNI GAVELLI

09.12.2019

Sembra un paradosso ma cambiare l’aria in casa quando fuori c’è la nebbia si rischia di creare un ambiente troppo secco. Vediamo il perché.

Quando fuori c’è la nebbia, per esempio con una temperatura di 5°C e un umidità relativa elevata come per esempio il 70% in un metro cubo di aria (miscela – aria vapore) ci sono circa due grammi di acqua (Ce n’è poca perché quella in più è condensata).

Cosa succede se facciamo entrare l’aria esterna nebbiosa, fredda e umida in casa e poi la riscaldiamo per esempio a una temperatura di 22 °C ?

Succede che l’umidità relativa in casa cala drasticamente, in questo diventa pari al 30 %, valore limite per avere effetti dovuti all’umidità troppo bassa.

Accade questo  perché il titolo (quantità di acqua in grammi per Kg di aria secca) rimane costante.

Per spiegare questo basta osservare il seguente diagramma psicometrico riportato di seguito, ragionamento a titolo costante.

Quindi aprire le finestre quando all’esterno c’è nebbia permette di ridurre l’umidità interna.

Strano ma vero.

Dott. Fisico Giovanni Gavelli

Direzione Fisica / Ricerca & Sviluppo GLOB-TEK

 Iscritto all’Ordine Interprovinciale Emilia Romagna dei Chimici-Fisici settore A Fisico al numero 1931

Certificazione UNI EN ISO 9712:2012 ID 1253 Bureau Veritas

Ti potrebbero interessare anche:

CHI TOCCA I FILI MUORE!

RELE’ ECCITATI

I PERICOLI DELL’ELETTRICITA’ NEL BAGNO

CAMBIARE L’ARIA QUANDO FUORI C’E’ LA NEBBIA RIDUCE DI MOLTO L’UMIDITA’ RELATIVA IN CASAultima modifica: 2020-01-17T13:28:35+01:00da zagomarco