La piattaforma italiana di criptovalute sfida Bitcoin

L’unico gruppo in Italia che si può definire il vero antagonista di Bitcoin è The Rock Trading, costola italiana della internazionale casa madre.

Grazie alle partecipate il gruppo copre l’intera filiera delle necessità per aggredire il mercato, riuscendo a dare soddisfazione al cliente, grazie anche alla collaborazione con Tinkl, che è un processore di pagamenti in Bitcoin e Sc.a.r.l, primo consorzio europeo dedito alla diffusione e conoscenza delle blockchain e delle criptovalute.

https://casinohex.it/casino-online/bitcoin/

The Rock Trading esiste dal 2010 ed è stata la prima piattaforme di criptovalute, per questo vanta il primato di essere la più longeva al mondo, Tinkl è il primo processore di pagamenti che permette ai professionisti e imprenditori di pagare e accettare le criptovalute come pagamenti senza doverle necessariamente cambiare in euro – questo è un vantaggio da ambo le parti, dal momento che la semplice messa on line della accettazione del servizio può dare modo di pubblicizzare i propri servizi beneficiando della cassa di risonanza che provocano questi annunci.

Questi primi due associati sono i creatori di Sc.a.r.l, un consorzio europeo dedicato alla diffusione e promozione della conoscenza e cultura sulle criptovalute e blockchain, argomento ancora molto ombroso per la maggior parte delle persone e che ancora adesso, dopo un decennio in cui sono nate suscita diffidenza nelle persone e non da senso di sicurezza.

 

Altra partecipata di questo sistema è One Dime, societa che si prefigge lo scopo la gestione e la programmazione della creazione di metodologie e utilizzo dei linguaggi di programmazione che assicurano standard altissimi di sicurezza e qualità.

 

La One Dime si occupa di tutta la gestione dei dati e ha il compito prezioso di salvaguardarne la sicurezza.

Recentemente è stata acquisita CheckSig, ovvero la prima societa destinata ad offrire un servizio di copertura assicurativa ai bitcoin custoditi sulla piattaforma – servizio incredibilmente innovativo e accolto molto favorevolmente da chi ne usufruisce.

Soprattutto le aziende più grandi e importanti grazie a queste assicurazioni si sentono molto protette e garantite nell’utilizzo della piattaforma.

 

Il sito italiano The Rock, grazie alle sinergie con queste altre protagoniste del mondo Criptovalute ha diversi primati, tra i quali essere la prima azienda exchange italiana a effettuare una transazioni in bitcoin nel 2011, facendone il piu longevo exchange del mondo, e’ stato il primo al mondo oltretutto a consentire il deposito istantaneo di bitcoin grazie al wallet Green Address nel 2014.

E’ stato il primo in Italia a riuscire a sviluppare un payment process in bitcoin, che rende agevole accettare pagamenti in criptovaluta ad imprenditori, ottenendo incasso equivalente in euro immediato.

 

E’ stato il primo al mondo inoltre ad ottenere licenza e rendere disponibile il trading Gemini, al tempo unica stablecoin regolamentata – tutto questo nel 2018.

 

La recente campagna di crowfunding permetterà alla società di diventare una public company, la ambizione della quotazione è l’azione più rappresentativa e dfficile degli ultimi anni, l’operazione li porterebbe ad essere il primo player italiano ad essere quotato su una borsa tradizionale. Non male no?

Fonti

https://www.ilsole24ore.com/art/la-piattaforma-criptovalute-italiana-supera-500mila-crowdfunding-anche-bitcoin-ADCBaFm

https://it.businessinsider.com/litaliana-the-rock-trading-sfida-i-colossi-internazionali-del-bitcoin-e-punta-alla-quotazione-su-euronext/

La piattaforma italiana di criptovalute sfida Bitcoinultima modifica: 2020-09-07T17:44:03+02:00da elena.g.manzoni

Lascia una risposta

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.